La Storia

Home/La Storia
La Storia 2016-11-07T12:39:38+00:00

Oleificio Rapolla Fiorente

L’azienda ha iniziato nel 1968, coinvolgendo circa 450 soci fra olivicoltori di tutto il Vulture. Da allora, l’Oleificio Cooperativa “Rapolla Fiorente” rappresenta una delle più valide realtà regionali nel settore della cooperazione, che alla tecnologia ed alla modernità ha saputo accostare tradizione ed insegnamenti del passato. Il gusto di lavorare insieme, di amare tutti la stessa terra e le proprie origini, ha dato forza alla nostra cooperativa e prestigio al nostro olio. E’ ispirata ad uno scrupoloso rapporto con il territorio, di cui esalta le opportunità e le capacità naturali intrinseche. Garantisce la lavorazione delle olive appena colte, grazie ad una capacità lavorativa di 1.200 quintali al giorno. La Cooperativa, in qualità di Organizzazione di Produttori, riconosciuta dalla Ragione Basilicata (unica O.P. nel settore olivicolo in Italia) si pone, inoltre, l’obiettivo di uniformare le tecniche di coltivazione dei soci per la qualità delle olive e quindi dell’olio D.O.P. Vulture, marchio di qualità che viene attribuito a quegli elementi le cui caratteristiche uniche e inconfutabili dipendono dal territorio in cui sono prodotti. I soci della cooperativa si attengono scrupolosamente alle direttive aziendali e ne seguono personalmente i singoli passaggi. Ha un’estensione di circa 700 ettari di oliveti con 70.000 piante di ulivo la cui cultivar principale è l’ogliarola del Vulture.

La mitologia narra che fu la dea Pallade a donare l’ulivo ad Atene. Nella realtà la pianta venne diffusa dai commercianti Fenici fin dal 1500 A.C. nelle zone del meridione e quindi anche in Basilicata. Spontaneamente l’ulivo di diffuse in tutta la regione ma trovò una più intensa diffusione ed affermazione in alcune aree fra cui quella del Vulture. Dando così vita a quel bellissimo ed indissolubile rapporto tra l’uomo, l’ulivo ed il territorio.

STORIA_RF

Nel Vulture la raccolta delle olive e la loro spremitura si tramandano ancora attraverso una tradizione secolare. A Rapolla la produzione dell’olio extravergine sgorga da una storia millenaria che affonda le sue radici anche nel sacro. Gli Oliveti, nel Vulture, rappresentano un elemento caratteristico del paesaggio rurale che merita di essere considerato, anche al di là della specifica funzione produttiva, considerato che un oliveto ben curato costituisce una forma di gestione attiva del territorio e dell’ecosistema, favorisce la biodiversità animale e vegetale, contribuisce a ridurre il rischio di erosioni e frane, garantisce il presidio di una zona rurale che senza olio rischia l’abbandono.